In questo sito utilizziamo dei cookies per rendere la navigazione più piacevole per i nostri clienti.
Cliccando sul link "Informazioni" qui di fianco, puoi trovare le informazioni per disattivare l' installazione dei cookies,ma in tal caso il sito potrebbe non funzionare correttamente.Informazioni
Continuando a navigare in questo sito acconsenti alla nostra Policy. [OK]
Aggiornato al 28/05/2017

Cariatidi, vi spostate da davanti?

di Davide Torrielli

Ci siamo accorti di un mondo che turbina veloce, cambia rapido, alla velocità della luce. Per stare dietro a questo ritmo, come diceva un famoso cantante, ci vuole un fisico bestiale ed aggiungo io, anche dei neuroni proiettati in avanti e diversi dai nostri.

Il costo della burocrazia nell'economia assistenziale sanitaria

di Giuseppe Talarico

Quando venne introdotta la aziendalizzazione della sanità pubblica, la strutture ospedaliere furono e sono tutt’ora finanziate attraverso il sistema dei DRG (diagnosis-related group), ovvero raggruppamento omogeneo di diagnosi (ROD),  un sistema che permette di classificare tutti i pazienti .......

Daniela Ronconi: la mia orchestra? 38 Fiori di Bach.

di Simone Quagliata

“Quando la vita ti serve un’opportunità su un piatto d’argento devi coglierla, altrimenti finisci per rammaricartene. La vita ne sa sempre più di noi.”  Daniela Ronconi    È stata definita dalla critica musicale una compositrice wellness, del benessere, ma a dimostrazione della grande ....

La nostra felicità è “Eudaimonia”?

di Anna Maria Pacilli

Se ci chiediamo cosa sia per noi la felicità, inevitabilmente ci sembra un concetto astratto. E per questo dobbiamo a tutti i costi cercare di “concretizzarlo”. E, per farlo, ricorrere a dei fattori esterni che la possano suscitare. I filosofi, anche, nel corso della storia si sono posti la domanda.

Da Sarajevo alla Brexit - La notte d'Europa 5. “Quid noctis?”

di Mauro Lanzi

“Le luci si stanno spegnendo in tutta Europa e finché vivremo non le vedremo brillare mai più ”. La sera del 3 Agosto 1914 si spegnevano i lampioni su St James Park ; guardandoli, Lord Grey, ministro degli esteri inglese, pronunciava parole che  purtroppo si dovevano rivelare profetiche: cominciava allora ......

Migliaia di processi in ritardo: la soluzione!

di Davide Torrielli

Formiconi in attesa di giudizio: squillino le trombe! Nunzio vobis: habemus solution! Tanti troppi processi fermi ed il cittadino attende, invecchia etc etc. La polvere annebbia i faldoni, così come le menti dei giudici, degli avvocati e cittadini tutti. Sono state analizzate tante soluzioni, ipotesi. ....

Dalla Redazione

COMPLIMENTI VIVISSIMI

Uno sguardo sulla Pubblica Amministrazione

a cura di Giuseppe Aquino

Analisi, aggiornamenti e notizie sul settore pubblico.

ll mondo della Pubblica Amministrazione può apparire ai più come enigmatico, complesso ed ostico. Al tempo stesso l’Azione Pubblica è pervasiva in molti aspetti della vita quotidiana. Lo scopo di questa rubrica è proprio quello di fare maggiore chiarezza in merito a tutto quello che riguarda sia la Pubblica Amministrazione sia la sfera dell’interesse pubblico.

(Leggi la presentazione completa)

Ultimi articoli pubblicati:

Amianto? No, grazie

Notizie dal Settore Pubblico: @e.bollo, la marca da bollo digitale

I Giovani, l’Università ed il Futuro: una Prima Riflessione Personale

Elenco completo cliccando qui e andando a fine pagina.

"Medicinando......."

News a cura di Francesca Morelli

Ci siamo presi una libertà poetica, coniando il termine di ‘Medicinando’. E concedetela, perché vogliamo sbizzarrirci con spunti di attenzione, a nostro avviso interessanti, su tematiche di medicina, scienza, salute o di benessere. Insomma, intendiamo stuzzicare il vostro curioso interesse con le nostre ‘pillole’, che hanno comunque fondamento scientifico, e che potremmo approfondire con un articolo più ampio e dedicato se il tema è di vostro gradimento. Francesca Maria Morelli

Link:

News: Dalle rane un antidoto contro potenziali virus

News: Le potenzialità ‘immunitarie’ del meningococco rilevate in laboratorio

News: Sarà ‘biofotonica’ la cura contro l’acne

Alla fine di ogni news l'elenco completo dei contenuti di Medicinando.

 

"Psichedando......"

una finestra sul blog di Anna Maria Pacilli.

Oltre agli articoli reperibili sul nostro sito cliccando qui, da questa finestra è possibile accedere al blog della dottoressa Pacilli per una panoramica completa dei suoi articoli di psichiatria, psicologia e cultura.

Ultimi articoli pubblicati su Nel Futuro:

La nostra felicità è “Eudaimonia”?

L’Amore: un equilibrio tra rispetto e possesso

La “liquidità” paterna nella formazione dell’Io

 

Altri articoli:

http://www.annamariapacilli.it

Alfabeto GPG (Gender Pay Gap)

L'Alfabeto GPG: Benessere

di Marcella Logli

Brave nel far star bene tutti attorno a loro, noi donne lo siamo sempre state.

Capaci di prenderci cura, abbiamo capito che nella nostra frenetica vita, sempre a caccia di felicità, il benessere non ce lo procuriamo solo dai possedimenti economici: anche il vivere in ambienti e situazioni comode, curate e confortevoli, soprattutto nelle nostre case, è portatore di una vita piena e in salute.

Quanti apparecchi ed elettrodomestici ci aiutano a vivere con agio le nostre giornate? Moltissimi, e buona parte di quelli presenti nelle nostre case sono prodotti da una donna, “la donna manager più tosta del mondo”, la cinese Dong Mingzhu, CEO della Gree Electric, un’azienda gigantesca specializzata nella produzione di apparecchi per uso domestico ed industriale.

La Mingzhu è una donna che ha imparato presto a risolvere da sola la propria vita, e ha abbracciato la causa della Gender equality divenendo membro del Comitato esecutivo della All-China Women’s Federation, tra le cui sfide annovera la lotta alla diseguaglianza retributiva, il Gender Pay Gap o Gender Money Gap.

Spazio aperto

Pensieri e riflessioni

Uno spazio a disposizione di autori e lettori per esprimere in libertà e semplicità le proprie idee e considerazioni sui temi più vari.
Inviatele a redazione@nelfuturo.com, saranno pubblicate in tempi brevissimi.
 

Jack lo squartatore e facebook.

Una volta chi commetteva un reato, specie se si trattava di un reato di sangue di quelli che comportavano pene severe con moltissimi anni di galera, sperava soprattutto nella impunità.  E cercava di stare attento cancellando tracce, mantenendo il silenzio più profondo, predisponendo eventuali alibi. E non c’è dubbio che così facevano anche quelli che ora si chiamano gli assassini seriali come era appunto Jack lo squartatore che fece piombare Londra nel terrore all’inizio del secolo passato. Ma, come si dice, il mondo cammina ed è cambiato profondamente dai tempi del feroce assassino londinese. Oggi il vero obiettivo di qualsiasi delinquente non è l’impunità, ma è la diffusione del suo gesto violento che, se specialmente molto violento ed appariscente, può dare all’autore notevole fama e plebiscitari consensi. E allora Facebook è il social più appropriato con i quasi due miliardi di seguaci nel mondo e con gli interessi di molti di questi verso la violenza e altre forme di degrado umano in tutti i campi. Per questo i grandi criminali sono sempre più attrezzati quando vanno a commettere i loro reati non solo con strumenti adeguati a commettere il reato stesso, ma con strumenti che possano consentire riprese fotografiche in modo da testimoniare e poi diffondere l’impresa. Vuol dire che oggi Jack lo squartatore si comporterebbe in modo diverso rispetto ad allora anche rischiando di essere scoperto, cosa che è più difficile per i minori poteri degli organi di polizia rispetto ad allora malgrado questi siano dotati di tecnologie allora sconosciute e di pregio e persino eccessive e inutili. Probabilmente e anzi certamente molti reati sono commessi per potere apparire e non per sentimenti di odio o per crudeltà. Ecco un effetto indesiderato, imprevisto e odioso dei social network.

Gianni Di Quattro

 
Per altri pensieri clicca https://nelfuturo.com/spazio-aperto

Attualità

Fatti e situazioni meritevoli di attenzione.

Dopo Taormina ha ancora senso il G7?

di Bruno Lamborghini

I risultati del G7 di Taormina hanno confermato quanto si temeva alla vigilia. Le parole, anche drammatiche dopo Manchester, sul terrorismo come quelle sul clima sollevate dagli europei hanno trovato in Trump un interlocutore scarsamente interessato e con poca stima o ascolto verso i colleghi, venuto a Taormina forse solo per il panorama. Il primo viaggio di Trump aveva come principale scopo quello di riprendere il controllo USA di quella parte del Medio Oriente che l’amministrazione Obama aveva messo in crisi e quindi il centro del viaggio si era focalizzato su Arabia Saudita e Israele, sia per ragioni di ristabilire un rapporto di guida politica USA verso i sunniti-sauditi e Israele che per ragioni di business (i 100 miliardi di export di armi verso l’Arabia e forse altrettanto verso Israele), facendo per ora la faccia feroce verso il mondo iraniano-sciita.

La seconda parte del viaggio a Bruxelles ed al G7 era solo per mostrare i muscoli della nuova amministrazione verso le debolezze europee (con la  rapida apparizione della May e della sua confusa politica post Brexit), sgridando i “cattivi” tedeschi che perseverano nel loro crescente surplus commerciale, invece di spendere e importare dagli USA.

L’unica tappa vera in Italia è stata quella con Papa Francesco che ha mostrato senza problemi a Trump quello che pensa di lui e della sua politica, peraltro penso con scarso effetto sul coriaceo Donald. La  visita alla Nato è servita solo per richiedere da parte di Trump maggiori spese militari da parte dei paesi europei

Quindi a Taormina nessun impegno a Parigi per il clima da parte USA, così come nelle parole finali di  compromesso su protezionismo e commercio internazionale. Anche l’esigenza da parte di tutti ed anche degli americani, di unire le forze, i servizi e  soprattutto le banche dati per affrontare insieme tutte le manifestazioni del terrorismo dello stato islamico sono intenzioni che dovranno essere tradotte in azioni concrete in tempi brevi per essere reali (ma vi sono ancora tanti dubbi). Da parte italiana è emersa l’autorevolezza e la serietà del primo ministro Gentiloni, molto apprezzato da tutti. In conclusione, occorre chiedersi se ha ancora senso questa accolita festosa dei Sette paesi dell’Occidente (tra l’altro con il perdurante bando della Russia di cui nessuno ha voluto parlare per cercare di uscire da una situazione ambigua e pericolosa, non solo in Siria) o non varrebbe la pena di concentrare il dibattito politico sul G20, dato che il baricentro non solo economico, ma demografico e tecnologico è ormai spostato sul mondo a Est e a Sud del cosidetto Occidente ?

Per commentare cliccate su: https://www.nelfuturo.com/dopo-taormina-ha-ancora-senso-il-G7

Home>
Scarica l'articolo in PDFgenera pdf
Inserito il:10/12/2014 20:55:07
Ultimo aggiornamento:15/11/2016 16:04:06

social

Condividi su

Ultimi pubblicati

nel futuro, web magazine di informazione e cultura nel futuro, archivio
Questo sito utilizza cookies.Informazioni e privacy policy
yost.technology